Operazione “Ali libere”: le guardie di Crotone sequestrano 2 richiami e 60 metri di rete

FOTO GUARDIE KR 16 04 16Crotone . Nella notte tra sabato e domenica, i volontari delle guardie ecozoofile di FareAmbiente Crotone, insieme ai “colleghi” di Accademia Kronos Vigilanza Ambientale, hanno effettuato un’operazione anti bracconaggio alla foce del fiume Neto denominata “Ali libere”.

Intervenuti a seguito di una segnalazione – dichiara il portavoce dei volontari – abbiamo effettuato un intervento alla foce del fiume Neto, zona di protezione speciale per gli uccelli migratori e già da tempo oggetto di attenzione particolare da parte nostra a causa del dilagare di episodi di bracconaggio”.

Giunte sul posto le guardie hanno immediatamente individuato un terreno incolto e di libero accesso da cui proveniva il suono inconfondibile del richiamo elettronico. Ispezionata l’area circostante hanno rinvenuto il congegno e una rete per uccellagione lunga più di  60 metri predisposta tutt’intorno. Dopo un po’ veniva individuato anche un secondo richiamo, questo per fortuna senza rete (probabilmente utilizzato solo per l’addestramento dei cani che, ricordiamo, essere comunque vietato in questo periodo). Tutto il materiale rinvenuto è stato posto sotto sequestro a disposizione dell’autorità giudiziaria.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *